Robert Kitson amava a l’acqua e avìa i pupiddi liquidi

di Giovanna Giordano

Traduzioni di Gaetano Cipolla

Robert Kistson amava a l’acqua e avìa i pupiddi liquidi. Attornu a so casa c’è n’acquidottu rumanu, forsi quacchi puzzu grecu e iddu stissu avìa pruggittatu na gebbia pi ricogghiri l’acqua quannu chiuvìa. U mari poi abbracciava i so finestri larghi unni pusava i so pinneddi. S’avìa circunnatu d’acqua. Amava a l’acqua e accussì l’arti chiù attaccata a l’acqua: l’acquarellu. Non sapemu quanti ni dipincìu o si dipingìa ogni iornu; senza esitazioni passava cu manu sperta na spugna d’acqua supra a carta e poi vilocimenti cci stinneva i culuri. Prima u biancu, pi inondari di luci a carta, doppu l’autri culuri chiari e a la fini chiddi cchiù scuri: culuri terragni, ocri, cadmii e ultramarinu.

Ogni culuri nta l’acquarellu è inesorabbili, non pò essiri cancillatu e mancu cummugghiatu picchì na cancellatura distruggi pi sempri a cumpusizioni. Robert Kitson era viluci a intuiri a grazia di l’inquatratura, a trasfiriri supra un libru di appunti e poi a trasfurmari u so sguardu liquidu in opira

vera. L’acquarellu pi Kitson è comu na istantania: chiddu ca guarda e ca l’incanta pâ so classicità, pi l’armunia, l’equilibriu dî chini e vacanti, u sprazzu di luci e tuttu chiddu ca putemu immaginari sia di so piacimentu, diventa n’opira liquida supra a carta. Non havi pupiddi fantasiusi, non è ncantatu dû sublimi, comu a Turner, o dâ terribilità dû munnu. Chiuttostu veni cunquistatu dâ tranquillità apollinia di Taurmina. Non c’è na Taurmina sula. Ogni viaggiaturi straneru c’arriva ccà â vidi nta trasfigurazioni o cû benessiri ca stu postu cci riala. U sguardu di von Gloeden è n’autru sguardu: esaltatu, nnamuratu, lanciatu versu n’antichità sugnata , versu n’Arcadia ca non esisti chiù. U sguardu di Robert Kitson nveci è cumpostu, iddu talìa l’ura e unni si trova, sulu quacchi vota ncantatu ma sempri austeru, nta dda maravigghia anglossassuni so. Kitson pi chiddu ca si leggi e si senti diri d’iddu fu n’omu furtunatu: libbiru, vivi uni e comu voli. Non havi disidderiu di costruiri firrusi locomutivi pâ so famigghia nta l’umida Inghilterra. Iddu voli dipinciri e viviri ô cauddu, supirari i prublemi dâ so frevi riumatica, guariri, essiri filici.

Pi tutta a so vita rinesci a sicutari i so disidderi, di quannu arrivau a Taurmina a 27 anni nsin’â morti ntô 1947.  Non è picca sicutari i propri disidderi pi na vita sana. C’è cu pò farlu, si è furtunatu, pi quacchi annu appena; c’è cu rimanna pi sempri i dicisioni mpurtanti ca putissiru rennir lu filici. Robert Kitson dimustra a iddu stissu e a niautri, ca nni nteressamu d’iddu, na forti vuluntà di benessiri pirsunali, nu modi di testimuniari câ so scelta eccentrica cuntinuta ca a vita havi a essiri campata beni, pi quantu è pussibili. U ritrattu di Kitson pittatu di Baskerville ntô 1932 nni parra di sta so lucida serenità. E’ u ritrattu di n’omu curatu, determinatu, lucidu ntê so affetti e cumportamenti, accussì comu sunu i so opiri. Si ntravvidunu ntâ carta i tracci dâ matita di chiummu o di carbuni, dopu arriva u culuri a acqua biancu e, chiù forti è a luci dû paisaggiu chiù biancu resta. Kitson viaggia assai e chiù va ô sud chiù resta accicatu dâ luci in modu ca u fogghiu resta quasi tuttu biancu. Quannu scegghi na nquatratura â scegghi “classicamenti”: cerca sempri n’elementu verticali attornu a cui cci fa girari a so composizioni.

C’è sempri na culonna ntê so opiri: nu campanaru, cipressu, arcu, ponti, palma, focu, sdirrupu, pilastru, minaretu, absidi o muntagna e poi, partennu di stu puntu focali, u pitturi dipinci i formi orizzuntali e i dettagghi. Chista è a scelta “classica” di l’Ottocentu. Kitson non rivoluziona schemi, non grida quannu dipinci. Preferisci i narrazioni minimi: na picciridda ca gioca ntâ strata, l’atturi ô tiatru, i passanti ntâ stata principali, i neuli tranquilli, i pupi siciliani a riposu, i vinnituri ambulanti di Casablanca. Quacchi vota cerca di cuntari nu mumentu forti ma quannu succedi usa u pinneddu cu dicrezioni. A pigghiata di Trieste dî Taurminisi, u tirrimotu di Missina, un bummardamentu dû San Dumenicu sunu dipinti quannu i fatti sunu già accaduti, non ntô mumentu di l’azioni. Kitson dicidi di fari ripusari li eventi pirchí vidi—o voli vidirri—a vita dû so puntu di vista imperturbabbili. A so casa è accussì puru. I staciuni cancianu, arrivanu i venti, L’Etna è in eruzioni, ma a Casa Cuseni, solidissima, costruita cu mura puliti e marmura di Carrara, na mistura di cubbi e parallellipipidi, talìa u munnu senza turbamentu.

Kitson fa galliggiari i so immagini supra a neula di l’atemporalità e non ci metti a data supra i so acquarelli. Pari stranu pi nu pitturi accussì pricisu di scola anglossassuni non mettiri a data supra a nenti e puru stilisticamenti è quasi impossibili distinguiri na so opira di l’iniziu dû seculu di n’autra fatta quarant’anni dopu. Kitson è “fora dû tempu.” Italo Mussa scrivìa di Taurmina ntô 1988: “A Taurmina non sunu esplosi drammi interiori, u suicidiu pueticu dû giuvini Werther non puteva mai succediri ccà. L’intrecciu tra individualità empirica e individualità estetica fici nasciri nta l’artista disidderi nfelici, bisogni archiologichi, impulsi improvvisi pâ biddizza, turbamenti incessanti pi l’incantu esternu. L’artista e l’esteta si truvarunu a viviri storii verusimili non dicisioni fatali ntâ na cornici ricriata fora dû tempu.” Comu è beddu, parunu diri von Gloeden, Kitson e tutti l’artisti ca vissiru a Taurmina, campari “fora dû tempu”. A vita è nu focu e niautri ci iccamu acqua e sonnura di supra. Speriamu chi hannu raggiuni.

Return to Table of Contents